Qualche riflessione critica su Internet

È necessario chiedersi nel 2016 cos'è Internet? SI, se stai pensando che tutto sommato porti a termine le tue operazioni su Internet con discreto successo.
Siamo iperconnessi, scarichiamo contenuti dal web, condividiamo momenti delle nostre vite su blog e social network site, acquistiamo e vendiamo su piattaforme online, ascoltiamo musica, facciamo transazioni finanziarie, ma attenzione! Youtube non fa di Internet un nuovo media, Facebook non fa di Internet un popolo e l'e-commerce non fa di Internet un nuovo canale distributivo.

Internet è una tecnologia General Purpose, è come l'elettricità, è pervasivo, coinvolge ogni singolo individuo, è utile a qualunque azienda o associazione.

Internet è un mercato multilaterale di esternalità, l'utente consumatore dei servizi messi a disposizione da Internet si ritrova ad essere contemporaneamente domanda, poiché fruisce di contenuti, e offerta, perché baratta quei contenuti "gratuiti" con la sua attenzione:

  1. attraverso i cookie diventa fornitore di dati utili alle aziende ad es. per indirizzare la pubblicità,
  2. invitando gli amici a partecipare ad un evento diventa ambasciatore dell'azienda e fornitore di contatti,
  3. lasciando una recensione su Tripadvisor diventa un influencer e produttore di esternalità, le informazioni sulla sua esperienza, infatti, condizioneranno il giudizio e la scelta del prossimo utente.

Internet è una quasi-istituzione, si sta dotando di leggi sui comportamenti da tenere, di monete valide solo online, di regole di ammissione e clausole di espulsione dai suoi servizi.

Internet è un elemento sociale, è lo strumento per condividere la conoscenza, è il luogo del confronto e della creazione di una nuova identità collettiva.