Conferenza annuale su The Future of Jobs: Lifelong e lifewide learning

L'innovazione tecnologica porta con se l'instabilità delle competenze e la necessità di aggiornarsi periodicamente per cogliere le nuove opportunità e non perdere competitività a causa dell'obsolescenza delle proprie skills.

Al World Economic Forum su The Future of Jobs è emerso che entro il 2020 saremo chiamati a variare il 35% delle nostre competenze.

Le nuove tecnologie cambiano i luoghi di lavoro e il modo di lavorare. Le aziende hanno bisogno sempre meno di dipendenti fissi in azienda, grazie alla possibilità di lavorare da remoto, connettersi con professionalità esterne all'azienda e di coordinare diverse risorse umane a seconda dei progetti da realizzare.

lavorare ovunque

Il Cloud e l'Internet Mobile consentono di aumentare la produttività della forza lavoro, ma richiedono di sviluppare la capacità di trasformare i dati in informazioni utili per rivedere le proprie strategie e obiettivi.

Nel mercato del lavoro la capacità di utilizzare le tecnologie digitali, gli strumenti di comunicazione e i social network per accedere alle informazioni, gestirle, condividerle e creare nuovi contenuti è già considerata un prerequisito e non una competenza, al pari di saper leggere e scrivere.

In Italia per far fronte a questi cambiamenti si sta investendo nella formazione del personale già impiegato, si tenta di attrarre talenti dall'estero, le aziende cercano la collaborazione con gli istituiti di formazione e si investe per sostenere la mobilità e la rotazione sul posto di lavoro.

Ci si scontra tuttavia con delle barriere, che rischiano di farci arrivare al 2020 impreparati. In The Future of Jobs vengono segnalate le seguenti barriere:

1) le pressioni provenienti dagli azionisti interessati a profitti nel breve periodo

2) poche risorse a disposizione,

3) la sottovalutazione dei cambiamenti dirompenti che riguardano il mondo del lavoro,

4) le strategie che riguardano le risorse umane non sono allineate con le strategie di innovazione.

Tu pensi di essere pronto?

 

Puoi scaricare qui il report completo in pdf: The Future of Jobs.